Angeli musicanti

"

La scuola è situata in una zona centrale della città, a pochi passi da piazza S. Eustorgio e dalla Cappella Portinari, monumento artistico che ha fornito alcuni interessanti spunti di lavoro: la presenza nella cupola di immagini che raffigurano figure angeliche mentre cantano, suonano e danzano ci ha suggerito di sperimentare possibili relazioni fra il linguaggio sonoro musicale, l’immagine artistica e la narrazione, quest’ultima intesa come gioco affabulatorio. Si è cercato quindi di sviluppare nel bambino la capacità di prestare attenzione ai propri sensi e alle proprie emozioni così da affinarle e indirizzarle attraverso il gioco verso un esito creativo ed espressivo. Questi, in sintesi, sono alcuni degli aspetti presenti nell’esperienza che stiamo per raccontare. Il percorso, nato tanto dalla partecipazione a un concerto di liuto quanto dalla scoperta di uno strumento musicale ricco di fascino come il carillon, si è concluso in occasione del Natale, integrandosi con le altre attività proposte dalla scuola in preparazione della festa.
"


Stampa   Email