Metodologia del gioco e dell'animazione (parte II)

Viaggio di lavoro e di piacere, di conoscenza e di autoformazione. 

Viaggio di lavoro e di piacere, di conoscenza e di autoformazione.
...Mi piacerebbe che il lavoro e lo svago appartenessero ad un’unica dimensione, quella del gioco...
...Vorrei che i vari aspetti della vita lavorativa – fatica, serenita?, rigore metodologico, pazienza, equilibrio, analisi, ricerca, etica professionale – fossero intrecciati di leggerezza
... Sarebbe bello che la ricerca quotidiana della leggerezza, cosi? come la intendeva Calvino, fosse perseguita da tutti...
...Mi piacerebbe che tutti fossero consapevoli dell’importanza delle emozioni nell’apprendimento e nella costruzione della personalita?...
...Mi piacerebbe poter affrontare le cose in modo diverso dal solito...
Voglio fare un viaggio. Voglio cambiare orizzonti, ma nello stesso tempo voglio tenere ben salde le mie radici per non perdermi.
Chi viene con me?
Dopo l'introduzione e la partenza (cfr. Metodologia del gioco e dell'animazione I parte) vengono ora indicate alcune "Piste - Proposte per ripensare il nostro lavoro a scuola".

In allegato il testo e gli esempi musicali.

Soste.

Punti di vista: riflessioni e approfondimenti La funzione del gioco coinvolge una serie di atteggiamenti comportamentali impliciti nel giocare. Spesso il vocabolo è utilizzato impropriamente per definire generiche operazioni educative, tralasciando le componenti spazio-temporali....

In allegato il testo

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Soste_1.pdf)Soste_1.pdf 1124 kB

Stampa   Email