Ciao Boris!

Un amico ci ha lasciati

Comporre non la musica, ma i circuiti di utilizzazione della musica.

Comporre non con i suoni ma con le persone che utilizzano i suoni.

Inventare non l’opera ma il fruitore.

Lavorare sull’ascoltatore e con lui.

Comporre suoni-sorgenti-canali-destinatari.

 

È solo uno dei mille pensieri che l’insegnamento di Boris Porena ci ha lasciato e che ha permeato la vita professionale di molti di noi. Molte delle sue idee abitano ancora oggi le nostre scrivanie e le nostre pratiche didattiche, accompagnano e accompagneranno il nostro lavoro.

La sua profonda cultura, mai sbandierata, il suo garbo, la sua gentilezza ci mancheranno.

 

>>> Il suo blog

>>> I suoi libri

 


Stampa   Email