Pensare la mutazione educativo-formativa?

Questo scritto cerca di problematizzare al massimo l’idea attuale e generale di scuola che sta affiorando a poco a poco da anni nella sua costante prassi quotidiana, coinvolgendo pure alcuni aspetti dell’educazione musicale intesa nel senso più ampio possibile.
In merito a ciò ci sentiamo in dovere di proporre una nostra idea di mutazione scolastica attraverso punti “visionari” che forse potranno subito apparire irreali e irrealizzabili.
D'altronde il cambiamento ha pur sempre avuto bisogno di provocazioni e di stimoli che se all’inizio possono apparire “pesanti da digerire” poi, magari, anche se non certo domani, possono essere riletti con un’altra emozione, forse più accondiscendente perché ormai percepiti come sempre più motivati, soprattutto sul piano dei valori umani, democratici e quindi estetici ed etici.
Infine, anche se siamo coscienti della difficoltà che le istituzioni scolastiche (generali e musicali particolari) hanno nei confronti della mutazione, ci accingiamo a indicare solo alcuni punti che, più che risolvere subito il problema educativo-formativo della scuola, speriamo almeno che possono lasciare una traccia problematica, un’interrogazione re-attiva, uno stimolo per tutti gli educatori e docenti (di tutte le discipline e quindi anche quelle musicali) a rileggersi sulla base dei temi-problema che ora di seguito ci accingiamo a proporre.

>>> continua nell'allegato pdf

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Pensare la mutazione educativo formativa.pdf)Pensare la mutazione educativo-formativa? 169 kB

Stampa   Email