Riformulare l’apprendimento musicale nelle scuole sotto assedio

Introduzione al Volume 18 Numero 1 di Action, Criticism and Theory for Music Education

Questo è il secondo appuntamento della rubrica che abbiamo cominciato nel novembre 2018 (>>> vedi) dedicata alla sintesi in italiano della rivista trimestrale telematica di carattere scientifico Action, Criticism and Theory for Music Education (ACT) pubblicata dal Mayday Group. La presentazione attuale riguarda il numero di marzo 2019 curato da Deborah Bradley and Scott Goble. Già il titolo con cui è presentato il numero “Riformulare l’apprendimento musicale nelle scuole sotto assedio” fa intuire la posizione critica degli autori e soprattutto la loro preoccupazione su quanto sta accadendo a livello internazionale nel mondo dell’educazione e in particolare in quello dell’educazione musicale. Gli autori dei vari articoli presentati in questo numero di ACT prendono in esame gli effetti del neoliberismo sui processi di pensiero degli educatori musicali, nelle loro vite quotidiane come insegnanti e più in generale nel campo dell’educazione.
Nelle nostre conclusioni che seguono la sintesi degli articoli, riflettiamo su alcuni aspetti emersi in questo numero di ACT che possono essere identificati anche nell’attuale situazione dell’educazione musicale italiana.

Numero di Action, Criticism and Theory for Music Education (Marzo, 2019) http://act.maydaygroup.org/current-issue/

Riportiamo l’indice completo della rivista.

Deborah Bradley and Scott Goble, Editors: Reframing Musical Learning in Schools Under Siege
Henry A. Giroux: Authoritarianism and the Challenge of Higher Education in the Age of Trump
Cathy Benedict, Jared O’Leary: Reconceptualizing “Music Making:” Music Technology and Freedom in the Age of Neoliberalism
Matias Recharte: De-centering Music: A “sound education”
Jess Mullen: Music Education for Some: Music Standards at the Nexus of Neoliberal Reforms and Neoconservative Values
Juliet Hess, Brent C. Talbot: Going for Broke: A Talk to Music Teachers
Vincent C. Bates: Standing at the Intersection of Race and Class in Music Education

******************************

Deborah Bradley and Scott Goble, Editors

Riformulare l’apprendimento musicale nelle scuole sotto assedio

Il primo volume di ACT del 2018 è frutto della discussione avvenuta nel May Day Group’s 30th Colloquium presso l’University of Western Ontario a London-Canada nel giugno 2018. Il dibattito ha preso in considerazione il contesto dell’educazione e dell’educazione musicale che devono servire entrambi come comune punto di partenza per formare solide comunità di educatori musicali e allievi. I partecipanti al Colloquium hanno cercato di aprire una discussione che comprendesse tutto l’apprendimento musicale, incluso quello scolastico, come un insieme di pratiche variegate e vissute che stimolano i professionisti a una riflessione critica verso concetti di pedagogia musicale e del curriculum che fanno parte delle pratiche correnti nei paradigmi educativi a livello locale, nazionale e globale. Interesse e preoccupazione sono stati manifestati verso gli effetti del neoliberismo sull’educazione musicale contemporanea. Il neoliberismo è un dogma economico complesso e scivoloso i cui tentacoli si stanno intrecciando nell’educazione in profondità e in modi inquietanti.

>>> continua nel pdf allegato.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (ACT_18_2019_finale.pdf)ACT_18_2019_finale.pdf 219 kB

Stampa   Email