Se ''muore'' la buona relazione affettivo-cognitiva

Studi, ricerche, riflessioni

In una società moderna come la nostra il ruolo dell’educazione è di primaria importanza per costruire giovani cittadini che un prossimo domani potranno essere utili in tutti i settori della vita sociale, economica, politica e comunitaria.
È altrettanto vero che, quando una nazione inizia a perdere il suo reale compito educativo, cioè quando l’educazione non è più in grado di assolvere i suoi più naturali e quotidiani compiti, le persone iniziano a problematizzarsi e, allora, si corre il rischio di entrare inevitabilmente lungo i percorsi della terapia.
Ma la terapia, come disciplina troppo spesso strutturata secondo paradigmi, modelli e protocolli preordinati, è inevitabilmente figlia di quelle stesse strutture sociali che hanno smarrito, a poco a poco negli anni, il loro pertinente e prioritario valore di incontro umano basato sulla relazione affettivo-cognitiva.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Se muore la relazione ok.pdf)Se ''muore'' la buona relazione affettivo-cognitiva 147 kB
Stampa